vela_ture

 

affinita’ elettive

in crescente simbiosi

 

…abbozzate le pose

sensuali sfumature

d’inchiostro la trama

a delineare il contorno

intercalarsi

di rubiconde nudita’

portamento intimo

di intriganti movenze

baldanza di scatti

contornano

il palcoscenico seduttivo

in una risonanza

di trasparenze

 

Annunci

incomple_ta

tra le fronde di betulla

capricciosamente adornate

di vischio

alita il mio macinino

violato

macchiato

denudato

di ogni intimita’

ristagna il flusso

gioco di schizzi

impregna il bianco pallore

un purpureo rossore

che denota  la fertilita’ inespressa

 

 

 

 

 

lega_mi

 

ti sfiora una carezza

basterebbe quel lieve tocco

per spezzare via

l’opacita’ di sotto_fondo

ri_ntonacare i tendaggi

con sprizzi euforici

il “laccio”

e’ un insidioso

a_mo

che prima ti invoglia

ad abboccare

succulente attenzioni

stuzzicate le papille gustative

e poi…

appena le antenne sensoriali

intercettano l’ombra

dell’assenza

un vuoto ti divora

le viscere

guai a te…

non lasciare nessuno spiraglio

a queste “reti invisibili”

denudi il tuo amor proprio

la mente ha timore

di volare

e crea inconscia_mente

una fitta ricerca di reticolati

che ne rallentano il passo

ricalcando l’accento

sui medesimi errori

…di percorso

 

 

 

 

 

residu_i

 

emozioni prendono forma

emergono imperfezioni

tempi non perfettamente calcolati

proiettati da  sbilenchi orologi

sguardi che hanno intercalato

solchi

rievocati da echi asprigni

di un perpetuo vagare