lacrima

un  susseguirsi  di  notti  insonni…

il  corpo  irrequieto  tra  le  lenzuola  

ora  sfoga  il  suo  malinconico  lamento

nonnina  sei  volata  in  cielo

 lasciando  dietro  di  te   solo  lacrime  e  dolore

un  tenue  lumicino  brillera’  ora  nel  cielo

 a  rischiarare  le  ombre  

di  questi  nostri  corpi  indeboliti  dalla  tua  perdita

 vorrei  essere  accanto  a  te  carissima  lucia  

ora  piu’  che  mai

 ora  che  non  potrai  piu’  incrociare  il  suo  sguardo

ma  sentirai  il  suo  affetto  e  il  suo  amore  

circondarti  in  un  abbraccio  

quando  si  alzera’  la   brezza  marina

un  pensiero

ti  sono  vicina

sto_p

non  riuscirai  mai  a  contenermi  in  due  righe

sono  un  fiume  in  piena  

misura

che  va  costantemente  alimentato

in  un  istante  di  brevita’  

potrai  leggere  quello  che  provo

guardandomi  negli  occhi

remem_ber

uno  sguardo  attento  vede  tante  

piccole  stelle  

fernandez 2

la  luna   si  fa  desiderare  stanotte

celata  dietro  i  tuoi  silenzi

ti  manca  la  sua  presenza

ma  sai  che  e’  solo  colpa  tua  

se  lei  si  sta  allontanando  

tu,  avresti  voluto  

che  scivolasse  dentro  di  te

l’ hai  trattenuta  per  un  po’  ma  poi  hai  visto

che  era  insoddisfatta  

distratta  da  altre  luci

se  ne  stava  triste  in  un  angolino  del  tuo  cuore

e  cosi  hai  preferito  lasciar  andare  quel  sottile  

filo  che  vi  univa

eravate  simili

entrambi  alla  ricerca  di  qualcosa…

ma  mai  pienamente  soddisfatti  

potevate  saziare  i  vostri  appetiti  

sciocchi  che  siete!

 e  tu, si  proprio  tu  

digli  che  vorresti  incrociarlo  con  lo  sguardo  

 digli  che  ieri  hai  avuto  paura  

al  pensiero  di  vederlo  andar   via  

senza  nemmeno  rientrare  a  far  parte  del  mio  mondo…

schiz_zi

voglia  di  impregnarmi  le  mani  di  inchiostro

di  scrivere  lettere_parole_frasi

che  si  rincorrono  accavallandosi  ai  ricordi

fogli  che  traspirano  nella  loro  fitta  trama

speranze  affidate  ad  un  piccione  viaggiatore

sentire  il  profumo  della  carta  tra  le  dita

intrecciare  il  sentiero  dei  pensieri

rumore  di  carta  stropicciata  sotto  il  peso_leggerezza

delle  emozioni  che  si  snodano  tra  le  righe

50ef15abc7f8803bd586e20ad311d9ce

e  poi  ripiegare  quel  fogliettino:

“ho  voglia  di  vederti,

di  perdermi  in  quell’ abbraccio”

echi notturni

fischi nella notte

l’ animale richiama il suo fedele compagno

tintinnio costante che contrasta

con la pacata silenziosita’ di questo scenario lacustre

soffici piume solleticano i pensieri

stretto al petto un intimo

d39690a245_8158685_med

che inebria con la sua scia di profumo

rievocando battaglie corpo a corpo

istinti in fermento

che aspettano di essere “pizzicati”

rintocchi di campane

cadenzano l’ attesa…

percor_si

solchi disuguali e linee spezzate

unghie mangiucchiate TRACCIANO

la loro inesistenza sulla pelle arrossATA

INESTETISMI FISICI_mentali delimitano la visuale

l’ occhio ricade sulla inadeguatezza di questa scomoda

presenza “materiale”

l’ arietta frizzantina si dirama lungo le cicatrici

enfatizzando il ridicolo disegno assimetrico

dita paffutelle sotto questa sbilenca corporatura

ff02ecf1f0

che buffa inquadratura

che risate “capovolte”

dietro le quinte dell’ animo